Nota di Alfonso Pisicchio: La legge sulla Bellezza

CHIARIMENTI SULLA LEGGE SULLA BELLEZZA.

La Legge sulla Bellezza che stiamo immaginando con i territori e i cittadini non è affatto uno strumento per affossare l’edilizia ed il turismo. Anzi, a nostro avviso, come dimostrato durante la lunga fase della partecipazione con cittadini, associazioni di categoria e ordini professionali, sarà un strumento di reale rilancio e valorizzazione, scevro da procedure farraginose e lente. Perché per noi il rilancio dei territori passa anche attraverso una semplificazione amministrativa a misura di cittadino e di enti locali.

Dispiace che diversi ordini professionali della provincia di Lecce abbiano manifestato, seppur legittimamente, perplessità che tuttavia non sussistono. Pertanto occorre fare alcune doverose considerazioni tecniche:

1️⃣ secondo la lettura data, le procedure di perimetrazione del territorio costruito e l’attivazione degli interventi secondo la carta della qualità risulterebbero accentuare la “burocratizzazione” e l’avvio di “complesse procedure di variante”. In realtà si tratta di una semplicissima perimetrazione secondo la quale sono individuate le zone entro le quali operare gli obiettivi generali per il miglioramento della qualità urbana e ambientale, nonché le dotazioni di infrastrutture e servizi ritenuti necessari in base ad una strategia delle trasformazioni urbane, condivisa con la popolazione e con gli stakeholders. Approvati detti atti (che possono anche determinare variante urbanistica) si procede direttamente con i PAT cioè i Piani Articolati delle Trasformazioni, che altro non sono che piani esecutivi approvati direttamente dalla Giunta comunale;

2️⃣ circa i tempi di approvazione di una variante urbanistica, occorre evidenziare che i 3-5 anni paventati non rivengono da ritardi della Regione, che viceversa è chiamata al rispetto del combinato disposto delle leggi regionali in materia (L.R. n. 56/1980 e n. 20/2001) e della L.n. 241/1990;

3️⃣ altra preoccupazione evidenziata è il superamento della cosiddetta legge “Piano casa” quale volàno dell’imprenditoria edilizia. In realtà la L.r. n. 14/2009 viene effettivamente abrogata ma il contributo incentivante dal punto di vista edilizio rimane come previsto all’art. 20 (Incentivi edilizi – Limiti alla riclassificazione delle aree) con una novità: qualora la demolizione e ricostruzione comporti variante urbanistica di zona, come osservato dai Tribunali amministrativi di Bari e Lecce in quanto non conseguibile con un titolo abilitativo diretto, potrà avere luogo solo se sconterà le procedure di variante secondo le disposizioni delle vigenti leggi urbanistiche regionali. Pertanto da un lato si rende strutturale la legge “Piano casa” senza sottostare più a fastidiose proroghe, dall’altro si permette anche la variante urbanistica, qualora gli immobili rientrino in un PAT;

4️⃣ l’asserito “tralascio delle aree rurali” per le possibilità di ampliamento non ha fondamento, alla luce del sopra richiamato art. 20, in cui non sono esclusi pregiudizialmente interventi sulle costruzioni esistenti nelle zone agricole, con le specifiche modalità e condizioni indicate. Così come pure “l’abbandono e non riutilizzo dell’edilizia esistente e il definitivo abbandono del sistema costruttivo a volta” non ha fondamento, segnatamente alla luce dell’art. 21 (Incentivi alla qualità del progetto), che disciplina gli interventi finalizzati alla valorizzazione delle tecniche costruttive tradizionali, anche in deroga rispetto alle norme tecniche e ai regolamenti edilizi comunali, recependo organicamente le precedenti disposizioni della L.r. 26/2009 di cui non è prevista l’abrogazione;

5️⃣ altra lettura errata del testo di legge è l’esclusione dell’ampliamento delle “strutture ricettive esistenti” che non è pregiudizialmente escluso, nei termini, per le specifiche finalità e con le modalità e condizioni indicate sempre dal citato art. 20.

Ciò doverosamente chiarito, il mio assessorato è in ogni caso disponibile ad ascoltare gli ordini professionali per qualunque tipo di osservazione e suggerimento, perché per noi la Legge sulla Bellezza deve mantenere intatto il suo principio cardine: una legge nata dal basso e con il coinvolgimento delle comunità